Le paparazze o lupini di mare: amici della tiroide

La ricetta: polpette di zucca e ricotta
5 dicembre 2018
Una colazione sana: pane ricotta e fantasia
15 aprile 2019
Mostra tutto

I “lupini di mare” più comunemente conosciuti in dialetto come “le paparazze” sono le vongole di taglia molto piccola tipiche dei fondali sabbiosi della costa adriatica e in particolar modo di quella abruzzese. Si distinguono dalle vongole per il sapore più intenso di mare trattandosi di prodotti esclusivamente della pesca e non di allevamento.

Gli spaghetti con i lupini sono un piatto “povero” e allo stesso tempo tipico della cucina abruzzese di mare. Si possono consumare in un regime dietetico equilibrato?

La risposta è assolutamente sì! Con un contenuto proteico di 10,2 g/100 g e un modesto quantitativo di grassi 2,5 g/100 g prevalentemente polinsaturi, le vongole possono completare un primo piatto o essere consumate da sole come sautè con crostini di pane. Come tutti i molluschi contengono 50 mg/100 g di colesterolo, ma in quantità inferiore rispetto a quello presente per esempio nelle cozze.

Spiccato è contenuto di selenio (436% del fabbisogno giornaliero RDA), iodio (93% dell’RDA) e zinco (14% dell’RDA), motivo per cui un piatto di vongole ha un’azione di stimolo della funzionalità tiroidea. Lo iodio è indispensabile per la sintesi degli ormoni tiroidei, il selenio per il lavoro degli enzimi deiodinasi che convertono il T4 in ormone tiroideo attivo T3. Insieme al selenio, micronutriente fondamentale per i processi di detossificazione lo zinco concorre a modulare la risposta immunitaria e può determinare un significativo abbassamento del livello di auto-anticorpi nelle tiroiditi autoimmuni.

Le vongole apportano anche ferro altamente biodisponibile (100% dell’RDA)  e  sono ricchissime in vitamina B12 (addirittura 1940% dell’RDA). Sono fonte di calcio altamente biodisponibile e vitamina D. Questo significa che sono molto indicate nei soggetti anemici e nelle donne in menopausa. Vanno invece escluse nelle patologie gastriche (gastrite, ulcera, reflusso gastro esofageo).

Per due persone la quantità ideale di paparazze è minimo 600 g che rendono circa 150 g di molluschi.

Vuoi ricevere sulla tua e-mail consigli ed approfondimenti su alimentazione e dieta?   
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy