Polenta con broccoli, guanciale e castelmagno

Il brodo di carne fa bene: verità o falso mito?
29 Dicembre 2020
Broccoli: gli alberelli amici della salute di…
9 Gennaio 2021
Mostra tutto

Ingredienti per 6 persone:

  • Farina di mais 600 g
  • Acqua almeno 3 litri
  • Broccoli lessati in poca acqua e ripassati in padella
  • Guanciale
  • Castelmagno
  • Olio extravergine di oliva

Mettete in un paiolo o altro recipiente adatto alla cottura della polenta, circa 2. 5 litri per mezzo kg di farina di mais; portatela ad ebollizione, salate e versate la farina a pioggia poco alla volta continuando a mescolare con un lungo cucchiaio di legno o una frusta abbastanza grande. Mescolate in continuazione nello stesso verso in modo da non far formare grumi. Aiutatevi con qualche mestolino di acqua calda se il composto vi sembrasse troppo sodo. Cuocete per circa 40 minuti  tenendo la fiamma piuttosto alta fino a quando la polenta non  si comincia a staccare dalle pareti del vostro recipiente formando una crosticina.

A parte fate lessare in poca acqua appena salata i broccoli dopo averli puliti lasciando i gambi più teneri. Scolateli e ripassateli in padella con olioextravergine di oliva e un po’ guanciale tagliato a dadini.

Servite con un coppasta nei piatti aggiungendo una spolverata di castelmagno grattuggiato.

 

 

 

 

 

Proprietà nutrizionali del piatto 

La polenta è un piatto nutriente e abbinata ai broccoli ripassati in padella ha un ottimo potere saziante e un contenuto calorico molto più modesto rispetto ai classici piatti di polenta con le carni.

Il sapore per i palati più esigenti non mancherà grazie all’aggiunta di quanto basta di guanciale e di una spolverata di castelmagno. Quest’ultimo è un formaggio piemontese di latte vaccino di montagna o di alpeggio, a pasta semidura dal sapore latteo fino al piccante e all’erborinato nelle forme più stagionate.

La farina di mais contiene 75% di carboidrati in misura leggermente inferiore alla farina di grano, poche proteine e pochi grassi, per lo più monoinsaturi, e se ottenuta dalla macinatura dei chicchi integri con il germe, l’endosperma e la crusca  ha un buon contenuto di sali minerali soprattutto potassio, magnesio e fosforo e un buon apporto di vitamine in particolare vitamina A (farina di mais gialla), folati, vitamina E e K.  Inoltre sempre la farina di mais con le frazioni del germe e della crusca contiene sostanze antiossidanti come caroteni e xantofille nelle varietà gialle, acidi fenolici, flavonoidi tra cui antocianine  (queste ultime nelle varietà di mais colorate) nonché fitosteroli.

A parte queste sostanze la farina di mais contiene una particolare forma di amido resistente (RS2), una fibra alimentare insolubile che resiste alla digestione, riduce l’indice glicemico del piatto, incrementa l’assorbimento dei sali minerali che giungono al colon e nutre il microbiota intestinale con effetti positivi sul benessere intestinale e sulle malattie infiammatorie cronico degenerative.

Per le proprietà dei broccoli leggete il mio articolo di riferimento https://www.angelagiuliani.it/4254/broccoli-gli-alberelli-amici-della-salute-di/

Possibili varianti

Potete sostituire il castelmagno anche con il formaggio pecorino o la pancetta con una granella di noci e nocciole tostate.

La polenta il giorno dopo è ancor più buona e con un contenuto superiore di amido resistente per via del raffreddamento.