Spaghetti piccanti con cicoria

Insalata di sgombro con pomodori e peperoni
5 Agosto 2021
Mostra tutto

Ingredienti per 4 persone:

spaghetti di semolato di grano duro o spaghetti aromatizzati al peperoncino 320 g

cicoria 450 g

aglio

peperoncino

olio extravergine di oliva quanto basta

Procedimento:

Mondate la cicoria e fatela bollire intera in una pentola di acqua salata fino a quando non si inteneriscono gli steli.  Scolatela con una schiumarola, strizzatela e tagliatela. Fatela saltare in un padella con olio, aglio, peperoncino. Lessate la pasta nell’acqua di cottura della cicoria, scolatela al dente e mantecatela saltandola con la cicoria. Servite con un trito di peperone secco e se siete ancor più golosi con una spolverata di pane grattuggiato saltato in padella.

  spaghetti di semolato Timilia con cicoria e peperoncino fresco

spaghetti al peperoncino Verrigni con cicoria e peperoncino secco

L’amaro che fa bene 

La cicoria appartiene al gruppo botanico delle Composite e alla famiglia Cichorium inthybus di cui fanno parte anche il radicchio, la scarola, l’indivia e il tarassaco che si caratterizzano per il sapore amaro. Esistono diversi tipi di cicoria, quella di campo che si raccoglie in primavera e due varianti di cicoria coltivata a foglia stretta, ancora amara e a costa larga detta catalogna dal gusto più delicato.

La foglie di cicoria sono ricche di acqua, clorofilla, folati, ferro, calcio, potassio e fibre. Il gusto amaro è dato da sostanze polifenoliche che hanno un’azione antiossidante e antibatterica, inoltre aiutano la funzionalità epatica e favoriscono i processi di disintossicazione dell’organismo. La ricchezza di ferro e di acqua stimola la diuresi e la presenza di fibre favorisce la sazietà e promuove dolcemente le funzioni intestinali.

La radice di cicoria è ricca di inulina, una fibra solubile che ha una potente azione prebiotica ed è in grado di modulare la glicemia al pasto a seguito del rallentamento del rilascio degli zuccheri semplici nel lume intestinale. Inoltre la radice di cicoria può essere tostata e polverizzata per ricavarne un surrogato del caffè.

La cicoria è controindicata nei soggetti con problematiche di calcoli e coleocistite.